Il Ruolo Terapeutico di Genova: gli appuntamenti

27 MAGGIO 2016  15:00 -17:30

" Nuovi genitori e antichi archetipi:una riflessione sulla paternità"

LUIGI ZOJA

Luigi Zoja è uno psicoanalista italiano. Laureato in economia, ha compiuto le sue prime ricerche sociologiche nella seconda metà degli anni sessanta. Ha studiato presso il C. G. Jung Institut di Zurigo. I suoi saggi e libri sono pubblicati in 14 lingue, tra cui “ Il Gesto di Ettore “Ed Bollati Boringhieri.

per info e iscrizioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
oppure tel 010.4074044 - 339.6449262
 

 Ciclo di undici incontri seminariali gratuiti sul tema della genitorialità.

I seminari proporranno spunti di riflessione relativamente sia agli aspetti sociali e culturali sia a quelli psicologici e psicoterapeutici

L’esperienza degli psicologi, l’attenzione dei media e l’osservazione dell’attuale panorama sociale, mettono in evidenza la necessità di approfondire la conoscenza del fenomeno relativo ai moltepliciinterrogativi che attraversano i genitori di oggi.

La complessità della funzione genitoriale apre importanti domande alla società e ai singoli clinici: Quali strumenti psicologici e culturali sono necessari?Quali sono gli interventi utili e possibili?

Il corso si concluderà con la presentazione e l’approfondimento di un caso clinico specifico, che mette in rilievo l’apporto positivo dei genitori alla terapia del figlio. 

                                                                  scarica il programma

 

Sono disponibili gli abstrats degli aricoli del N° 14

" ESSERE GENITORI OGGI"

scarica abstracts

 

La formazione della Scuola di Psicoterapia Psicoanalitica di Genova ha come principale obiettivo l’acquisizione di strumenti di base atti ad impostare e condurre l’intervento terapeutico nei vari contesti di lavoro e di tirocinio.

L’impostazione metodologica psicoanalitica consente di accogliere la domanda d’aiuto, la funzione di ascolto e accompagnamento di pazienti sofferenti non dovrebbe mai sottrarsi dal fare i conti con i sentimenti ed emozioni propri e del proprio paziente.